Diretta Juve-Genoa ore 20.45: dove vederla in tv, in streaming e probabili formazioni La squadra di Andrea Pirlo, reduce da tre vittorie consecutive in campionato, sfida il grifone negli ottavi di finale di Coppa Italia TORINO - La Juve, dopo tre vittorie consecutive in campionato, domenica sarà chiamata alla prova del nove al Meazza nel derby d'Italia contro l'Inter. Prima, però, i bianconeri di Andrea Pirlo dovranno pensa alla Coppa Italia e alla sfida di stasera alle ore 20.45 all'Allianz Stadium contro il Genoa valida per gli ottavi di finale della competizione. Il grifone sembra esser stato rigenerato dalla cura Ballardini e dopo il successo contro il Bologna in campionato cerca l'impresa a Torino. I rossoblù hanno già superato due turni, estromettendo dalla competizione prima il Catanzaro per 2-1 grazie alla doppietta di Scamacca, obiettivi di mercato della Juve per l'attacco, e poi la Sampdoria nel derby, con la doppietta ancora una volta di Scamacca e il gol di Lerager che hanno ribaltato il momentaneo vantaggio blucerchiato firmato Verre. Per la Juve, invece, si tratta dell'esordio stagionale nella competizione. I bianconeri sono imbattuti da 20 gare casalinghe contro il Genoa in tutte le competizioni (16V, 4N) con l’ultimo successo ligure sul campo della Vecchia Signora che risale a gennaio 1991 in Serie A con Luigi Maifredi sulla panchina dei piemontesi e Osvaldo Bagnoli con il grifone. Juve-Genoa è in programma alle ore 20.45 all'Allianz Stadium di Torino e sarà visibile in esclusiva in diretta in chiaro su Rai 1. Inoltre sarà disponibile anche in streaming sulla piattaforma Rai Play. Questa sera si gioca, da due giorni si tratta. Juventus-Genoa totale in questa settimana. D’altra parte i rapporti fra i due club sono sempre più solidi e c’è il destino di sei giocatori in ballo. A partire da Gianluca Scamacca, il 22enne centravanti che al Genoa è in prestito, ma è di proprietà del Sassuolo. La Juventus lo ha annusato negli ultimi giorni, perché poteva avere le caratteristiche per diventare la quarta punta di cui i bianconeri hanno bisogno da qui alla fine della stagione per garantire un po’ di turnover a Morata e agli altri attaccanti. Una trattativa a tre, perché il Genoa deve dare il nulla osta, mentre con il Sassuolo la Juventus deve trattare la formula per avere il giocatore. Una trattativa che ieri ha registrato una brusca frenata e che, per ora, rimane in stallo: chissà se la partita di questa sera possa smuovere qualcosa, tuttavia per il momento sembra che non si riesca a trovare una via soddisfacente per tutti e che possa mediare fra la richiesta del Sassuolo (che valuta il giocatore 25 miioni di euro) e la necessità della Juventus di rinviare i pagamenti sui prossimi bilanci. Non è detta l’ultima parola, ma le azioni di Scamacca bianconero sono comunque scese nelle ultime ventiquattro ore. Ma non c’era solamente Scamacca sul tavolo di Juventus e Genoa. Tre operazioni sono andate in porto e potrebbero essere annunciate nei prossimi giorni. Nicolò Rovella è diventato un giocatore della Juventus (ha anche sostenuto le visite mediche), anche se rimarrà al Genoa almeno fino a fine stagione, poi le società decideranno, ma ci sono ottime possibilità che anche per tutta la prossima stagione il giovane e promettente centrocapista si faccia le ossa in rossoblù (soprattutto se rimanessero in Serie A). Mentre al Genoa vanno anche Manolo Portanova per circa 7 milioni e Elia Petrelli per 3,5. Un’operazione che muove il mercato, genera plusvalenze e assicura alla Juventus Rovella, obiettivo di molte big italiane perché effettivamente uno dei talenti italiani più brillanti.